All posts by Nicola Petaccia

33 Posts

Il Giornale dell’Architettura – SOS design: 30°HOUSE

http://ilgiornaledellarchitettura.com/web/2018/10/20/sos-design-30house/

20 Ottobre 2018

Designer/Architetti: Guya Bertelli e Claudio Chesi con il gruppo di Ricerca POLIMI formato da: Paola Bracchi, Pasquale Mei, Fausta Occhipinti, Nicola Petaccia, Paolo Pirovano, Andrea Previtali, Michele Roda, Doaa Salaheldin, Valentina Sumini. Con: Giuliana Bonifati, Martina Sogni, Anna Solimando.

Descrizione: 30°HOUSE è un modulo abitativo pensato per le situazioni di emergenza il cui nome richiama la geometria e l’inclinazione della struttura. L’involucro è progettato per coniugare la semplicità realizzativa con la qualità spaziale, le possibili aggregazioni con le prestazioni energetiche. Il progetto (dal concept alla definizione esecutiva degli elementi fino alle verifiche strutturali) è stato sviluppato nell’ambito della ricerca Compass House (Politecnico di Milano, sotto la direzione dei professori Guya Bertelli e Claudio Chesi). L’obiettivo del lavoro è il progetto di uno spazio abitativo che possa fornire una risposta adeguata e di qualità architettonica e tecnologica alle situazioni di emergenza, affrontando anche il tema da un punto di vista dello sviluppo sostenibile di territori e città.

We Are Open!

Nicola Petaccia Architecture, On-Off Project e Staging-IT aprono al pubblico il loro nuovo spazio condiviso. Avranno il piacere di presentare i progetti passati, futuri ed il loro metodo di lavoro.

Nicola Petaccia Architecture è uno studio con un approccio multidisciplinare all’architettura. I progetti combinano le varie scale che spaziano dal paesaggio e progetto urbano all’interior design, eventi e mostre. Il lavoro è influenzato da un continuo dialogo ed interazione tra queste diverse discipline. La filosofia del progetto è guidata dall’ambizione di generare un pensiero innovativo della creatività anche attraverso le nuove tecnologie. www.nicolapetaccia.com

On-Off di Andrea Tipaldi si occupa di progettazione culturale, valorizzazione del patrimonio artistico nazionale e promozione della creatività giovanile. Si è dimostrata particolarmente sensibile ai temi della rigenerazione urbana, dell’integrazione sociale e della rieducazione al concetto di bellezza, ridisegnando luoghi attraverso la fusione di diverse forme d’art. Tali obiettivi sono stati conseguiti attraverso festival, curando mostre e organizzando momenti ricreativi. www.onoffproject.it

Staging-IT di Gabriela Solines vanta oltre 10 anni di esperienza nel settore dell’interior design ed un team di consulenti e tecnici esperti nella creazione di un ambiente più stimolante per la casa o azienda, al fine di aumentare il valore di mercato per la vendita o l’affitto futuri. Lo staging, non nasconde nulla, ma accentua ciò che è già attraverso la sistemazione e la decorazione di unità abitative o di singoli spazi che richiedono un rinnovamento. www.staging-it.it

A BIT ARE

Nel contesto della Milano Design Week, lo studio Al Cantiere apre i proprio spazi in corso Buenos Aires ospitando A BIT ARE, un progetto degli artisti Barbara Uccelli e Gianluca Beccari, a cura di Rosa Cascone. Per l’occasione il duo di artisti espone un video inedito sull’abitare contemporaneo, insieme a una performance fruibile solo nella giornata di opening.

Il progetto indaga il nostro abitare odierno, analizzando le relazioni tra l’abitante e il luogo abitato: interno ed esterno, privato e pubblico, isolato e interattivo. Del resto, l’abitare può essere descritto in molti modi ma ciò che lo definisce è la costanza, l’abitudine dell’individuo a vivere in una realtà sociale.

A BIT ARE è un video d’arte che racconta le zone in cui trascorriamo più tempo, sia fuori che dentro casa e che, di fatto, corrispondono a luoghi di passaggio come corridoi e piazze. Questi spazi di transito, di tutti e di nessuno, vengono percorsi innumerevoli volte senza creare relazioni. Il video è correlato da una performance sul rituale del tè, in cui il gesto diviene simbolico e unico mentre l’abitare un’abitudine, un evento naturale e continuativo. Il percorso di analisi dei due artisti li ha portati a pensare che l’architettura sia un sistema di gente e il suo destino sociale, fatto di estetica e al contempo funzionalità. Lo spazio abitato contiene un protagonista, l’abitante, che crea e conserva i luoghi per sé e per chi vuole accogliere, in questo modo il rituale è ciò che mette in comunicazione lo spazio esterno con l’interno.

Al Cantiere è la community dedicata al mondo dell’architettura, dell’ingegneria e del design. Uno spazio pensato per generare nuove sinergie sia lavorative che personali, attraverso una rete di contatti mirata e favorire l’interazione tra professionisti presenti da anni nel settore edile milanese.